Se da tempo continui a chiederti se diventare un venditore sia la scelta giusta per te, in questo articolo ti darò 5 buone ragioni per prendere una decisione.

Le domande che ti fai spesso

Spesso chi fa il venditore di professione da tempo, non riflette molto sul proprio lavoro, va avanti a testa bassa e se il guadagno comincia a calare si fa la fatidica domanda:

“Ma se facessi il dipendente potrei avere più sicurezza e magari uno stipendio simile a quello attuale e nel tempo anche maggiore?”

Spesso invece chi è dipendente si fa quest’altra fatidica domanda:

“Se mi mettessi in proprio potrei guadagnare di più ma potrei fallire; siamo sicuri che valga la pena rischiare?”

Nei prossimi minuti vedremo le risposte a queste due semplici ma frequenti domande che ho sentito pronunciare a centinaia di colleghi.

5 Motivi per scegliere di diventare venditore

 

gestire il tempo

Sbagli il 100% dei colpi che non spari.

(Wayne Gretzky)

Esercitare la professione del venditore è un’ottima opportunità per almeno 5 motivi.

#1 Il venditore è uno dei lavori più richiesti

Se ci pensi bene tutto quello che ti circonda è stato sia prodotto che venduto.

Inoltre per molti prodotti è stata venduta l’idea, i componenti, il prodotto finito e poi il prodotto usato.

Sembra strano detto così ma è la verità.

Per approfondimenti ti rimando all’articolo Scopri perché il venditore è il lavoro del 21° secolo

#2 Essere un venditore ti da l’opportunità di avere un guadagno variabile e maggiore di quello della media di chi oggi è un dipendente

“Ma come il posto fisso non era il sogno di tutti noi? E se il mio guadagno da venditore è più basso dello stipendio fisso del mio vicino che fa il dipendente?”

Certo queste sono domande giuste, ma voglio solo farti riflettere su questo aspetto:

Stringendo i denti nella fase iniziale, un venditore una volta raggiunto un guadagno pari a quello di un dipendente, gestendo bene il suo tempo e i suoi clienti, non ha un limite di guadagno.

Quindi come venditore puoi ambire ad uno stipendio tanto più elevato quanto più tu sei bravo nel tuo lavoro.

#3 Il lavoro del venditore è un lavoro stimolante, sempre a contatto con molte persone

Un lavoro che ti può permettere di vedere posti nuovi, di entrare in contatto con tante persone che hanno idee diverse dalle tue e possono aiutarti sia nella crescita personale che professionale.

A me è capitato più di una volta che i miei migliori progetti fossero figli di idee di diversi miei clienti messe assieme e riorganizzate secondo un mio filo logico.

 

#4 Essere un venditore ti da il 100% della libertà di gestire il tuo tempo

So già che stai pensando “A Piè, ma se da quando faccio il venditore non ho più un momento per me stesso”.

Aspetta non ho detto che hai tempo libero a volontà o che puoi decidere ogni mattina, se non hai voglia di lavorare, di stare a letto a dormire.

Intendo dire che è un lavoro che, se ben organizzato, ti permette di gestire con facilità e tranquillità la tua vita personale, senza dover chiedere un permesso al capo per portare il figlio dal dentista o la nonna in ospedale.

Un lavoro che ti permette di pianificare le ferie nel momento migliore e che ti permette di prenderti un giorno di relax quando senti la necessità di ricaricare le batterie.

Il percorso però è lungo e richiede prima di educare se stessi e poi educare i propri clienti.

#5 Lavorare come venditore  ti permette di cambiare settore o integrare la tua attività con facilità

Questo non vuol dire che puoi cambiare settore ogni anno, anche perché i risultati in ogni aspetto della vita arrivano dopo un’adeguata pianificazione e metodicità nell’applicazione.

Nella società in cui viviamo oggi capita spesso che da un anno all’altro un settore vada in crisi per motivi a noi non riconducibili.

Ipotizziamo ad esempio che io sia un operaio non specializzato in una ditta metalmeccanica o un impiegato in un ufficio tecnico di un’azienda che produce semilavorati, può succedere che da un anno all’altro si riducano drasticamente le commesse e che la direzione decida di tagliare drasticamente il costo del personale lasciando a casa una parte degli impiegati.

Quindi se dovessi perdere il lavoro come potrei reinserirmi nel mondo del lavoro?

Potrei provare a propormi ad altre aziende concorrenti nel settore in cui ho fino ad ora lavorato.

Ma non avevamo detto che quel settore era in crisi?

Quindi che che probabilità ho di trovare lavoro nella stessa mansione e nello stesso settore? Limitate.

Ok non perdiamoci d’animo.

Potrei provare in un altro settore. Ho le competenze, l’esperienza e i contatti per quel settore?

No. Allora perché dovrebbero assumermi?

Perché ho 20 anni? No, sarei troppo giovani (in Italia giovane = inesperto).

Perché ho 55 anni? No, sarei troppo vecchio (quanti cinquantacinquenni conosci che hanno perso il lavoro e che sono riusciti a essere riassunti con un buono stipendio?)

Bene allora speriamo che io perda il lavoro quando ho tra i 30 e i 40 anni, che io abbia le competenze che mi richiedono e speriamo che non mi propongano uno stipendio più basso del 30% di quello che percepivo.

Perché magari visti i periodi di incertezza, potrei accettarlo temporaneamente, trovandomi poi ad un passo dalla pensione con quello stesso lavoro sotto retribuito.

Ecco invece che il lavoro di venditore è un lavoro che ci permette di reagire più velocemente.

Se ti accorgi che stanno calando drasticamente le vendite di un prodotto o di una azienda che rappresenti, puoi affiancare altri prodotti o altre aziende non in concorrenza

Oppure puoi proporti in un settore totalmente differente. Un buon venditore se cambia settore ha bisogno solo di formazione tecnica sui nuovi prodotti e sulle dinamiche commerciali del nuovo settore, poi tutto il resto è uguale, non simile, totalmente uguale.

Ovviamente qualcosa cambia se in funzione della tua specifica professione sei un:

  • funzionario di vendita con stipendio + premi
  • venditore monomandatario con fisso + provvigioni
  • venditore plurimandatario con provvigioni + premi

Però cambia poco e la possibilità di uscire da un periodo di crisi con un miglioramento nei propri guadagni è elevato.

Conclusioni

Essere un venditore è una vera opportunità perché:

#1   è da sempre il lavoro più richiesto

#2   ti permette di guadagnare bene con bassi investimenti iniziali

#3   è un lavoro stimolante

#4   ti da la libertà di gestire il tuo tempo

#5   ti da sicurezza per il futuro

Mi auguro che quanto abbiamo visto oggi ti possa aiutare a vedere il lavoro di venditore sotto una nuova ottica.

Ciao e buon inizio di settimana

Piero

 

Se vuoi scaricare gratuitamente i contenuti speciali e restare aggiornato su tutti i nostri articoli clicca qui sotto:

RESTA AGGIORNATO

Piero Salomoni
Seguimi su:

Piero Salomoni

Sono papà di Isabella e Diana, sposato con Emanuela.
Lavoro come consulente e venditore da 20 anni. Aiuto rappresentanti e commerciali ad ottenere più risultati nella vendita. Lo faccio condividendo strategie ed esempi pratici da mettere in pratica subito.
Piero Salomoni
Seguimi su:

Commenta anche tu:

commenti

Condivisioni